A Crema la festa è molto più grande. Qualche sera ci vado con mia moglie. La Festa è l’occasione di una serata piacevole con gli amici, un dibattito, una cena, una partita a bigliardino. Bergman, ben contento di averla davanti alla sua cinepresa, la volle anche per Il volto (1958), ma soprattutto per Alle soglie della vita (1958), dove recita il ruolo di una partoriente, performance che le permetterà di vincere assieme alle colleghe attrici del film, la Palma d’Oro al Festival di Cannes per la migliore interpretazione femminile.Dopo numerosi film tv per la regia di Hans Abramson, nei primi anni Sessanta, si trasferisce a Roma, recitando in Agostino La perdita dell’innocenza(1962) di Mauro Bolognini e nel ruolo della madre assassina de La caduta degli dei (1969) di Luchino Visconti, tornando in patria solo per personificare ruoli incredibili come la fedele affetta da eczema in Luci d’inverno (1961) di Bergman, continuando un sodalizio artistico che si arricchirà di titoli come Il silenzio (1963), L’ora del lupo (1967) e Il rito (1969).Molto nota al pubblico mondiale, partecipa alla pellicola americana di Vincent Minnelli I quattro cavalieri dell’Apocalisse (1962) e a quella francese La guerra è finita (1966) di Alain Resnais, poi decide di andare dietro la cinepresa e firma il suo primo cortometraggio Hngivelse (1965). E dopo aver recitato per Mai Zetterling ne Giochi di notte (1966), fa una breve esperienza a Broadway nella produzione “Of Love Remember” (1967) e nella miniserie Moses The Lawgiver con Burt Lancaster. Il momento più alto della sua carriera rimane quello di Sussurri e grida (1973), pellicola del suo pigmalione Bergman, che le permetterà di vincere il David Speciale per l’interpretazione.L’Italia la ama particolarmente.

L’idea prevede un sacco di danza e di truccarmi davanti alla telecamera come se fossi davanti a uno specchio. Ho dei problemi a truccarmi nel modo giusto quando sono davanti a un vero specchio, per questo assomigliavo un po’ a un clown quando sono uscita a cena con amici al ristorante italiano Locanda Locatelli su Seymour Street, cena seguita da un concerto di Jack White per il festival di Itunes alla Roundhouse. Sono nervosa ed emozionata, ma prima è il compleanno della mia amica Jenny e lei ha organizzato un pomeriggio alla Sanctuary Spa a Covent Garden.

I ricercatori hanno formulato ipotesi che prendevano in esame l dei telomeri (porzioni terminali dei cromosomi) con il procedere degli anni, la composizione delle membrane cellulari oppure le proprietà del vasodilatatore ossido di azoto. Anni fa, nel 2005, era stato identificato un altro gene, CLOTO (in onore delle Parche), che produce un ormone implicato nella via del segnale dell Topi transgenici per la sua iperespressione vedevano la loro vita aumentata di circa il 30%. Topi matusalemme.