Curiosa la coincidenza tra l’acronimo del sesto episodio, M:I6, e il nome dell’omonimo servizio segreto britannico, ma difficile che si trasformi in qualcosa più di un gioco di parole. Nonostante ciò, i loschi giochi all’interno dell’agenzia di Ethan Hunt possono ricordare da vicino quelli del “collega” James Bond, al servizio segreto di Sua Maestà. Tuttavia Mission: Impossible è un franchise nato per caso: pochi probabilmente avrebbero scommesso su una serie così longeva al tempo del primo film di Brian De Palma, ancor meno dopo il deludente sequel affidato a John Woo.

I’m not sure I blame them. First of all, I don’t think it had any effect. So, I don’t think we did anything that caused anything to change in Egypt. MARK MAZUR: Largely, it’s about the same level of complexity. For every situation where you say, going to make people’s lives easier and more straightforward, there’s always something on the other side. One thing as an economist that I look at is that very few people know what their marginal tax rate is with any degree of certainty and make economic decisions based on that.

About this Item: Condition: Good. Christie New York, Sale title 19th 20th Century American Paintings, Drawings, Watercolors and Sculpture, Date 26th June 1985, No. Of lots 327, No. Times, Sunday Times (2016)It was lucky that the police did not catch him. Times, Sunday Times (2016)Here’s where you might just catch a glimpse of the royals this year. The Sun (2016)I caught sight of it at the last minute and just managed to get something on it.

In poche parole la creatività.Cinque italiani, spiantati e in cerca di un’occasione, vengono mandati a girare un film in Armenia. Appena arrivati scoppia una guerra e il sedicente produttore sparisce con i soldi. Abbandonati all’Hotel Gagarin, isolato nei boschi e circondato dalla neve, trovano il modo di inventarsi un’originale e inaspettata occasione di felicità che non potranno mai dimenticare.

Le parodie, gli sketch e leggendarie cadute, hanno fatto scuola. Nel ’61, dirige ed interpreta L’idolo delle Donne. Nel corso delle registrazioni, la superstar della Paramount rivoluziona il mondo della cinematografia, ideando un prototipo di videocamera oggi conosciuto come video assist.

Tornata in patria è da segnalare la sua entrata in un genere più leggero come la commedia di Lo Wei Chuo tou zhuang yuan (1974), seguito dal più movimentato Lung moon bei chi (1976) di Joseph Kong, sempre accanto all’inossidabile Lee. Il cambio di partner arriva nel 1976, quando Lo Wei la affianca a Jackie Chan ne Il ritorno di Palma d’Acciaio, cui seguirà She hao ba bu (1978), per la regia di Chen Chi Hwa, sempre con Chan.Il suo ultimo film risale al 1981, si tratta del fantasy Hu hwa ling di Li Pao Hsueh; poi si ritirerà nell’isola di Hong Kong, dedicando il resto della sua vita ai finanziamenti cinematografica, fondando con il fratello Ricky Chan una casa di produzione. Ogni tanto apparirà in qualche serie televisiva come Nora Miao Showcase o The Bastard Swordsman, trasferendosi successivamente a Toronto dove come conduttrice radiofonica in un programma culinario..