Esordì al cinema quando ancora non c’era il sonoro nel 1916, ma in seguito lavorò con gli attori più famosi: Totò, Vittorio De Sica, Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Gina Lollobrigida, Ugo Tognazzi, Fernandel. Nel cinema ebbe grande successo in film come Pane, amore e fantasia (1953, in cui impersonò l’invadente e comicissima Caramella), Pane, amore e gelosia (1954) e come protagonista d’una serie buffa imperniata sulla sua figura (Zia d’America, Nonna Sabella) e perfino sul suo nome (La Pica sul Pacifico, 1960). Impersonò personaggi fatti di napoletanità argute, semplici eppure complesse, protagonisti della vita di tutti i giorni della città partenopea.

Un personaggio talmente forte, che la fisicità passa in secondo piano”. E poi aggiunge: “La parte più bella è che lei è fedele. E anche po’ ridicola. Chiudere i film non è facile. Nemmeno farli, sia chiaro, ma quante pellicole sono state rovinate da finali non all’altezza? Nel genere thriller/horror, il plot è spesso un pro forma, un inutile orpello per permettere ai protagonisti di mietere vittime e perpetrare le peggiori nefandezze, ma nella sottospecie degli horror “psicologici”, di matrice kafkiana, quale è questo The Machnist (nella versione italiana sarà L’uomo senza sonno. Titolisti scatenati quest’anno eh?), la storia diventa più importante, un lento e inesorabile avvicinarsi alla rivelazione finale, epifania e chiarificatrice.

Le tensioni sopite inevitabilmente affiorano e il clima s’appesantisce di recriminazioni e ricordi ossessionanti. Al calare della notte una spietata mano vendicatrice inizia a colpire, torturando sanguinariamente i malcapitati con taglierini e graffettatrici. Che sia il tremendo ritorno del figlio deforme della maestra Park, un tempo confinato in cantina e oggetto degli scherni dei ragazzini?.

Monsignor Angelo Paolini è uno spirito illuminato, profondamente convinto che la Chiesa debba ‘aggiornare’ il suo linguaggio per poter continuare a testimoniare la parola di Dio al mondo. Mario Guarrazzi, suo caro amico d’infanzia, è invece un ex centometrista che, nella sua carriera, ha vinto tutto tranne la cosa più importante: le Olimpiadi. Un cruccio che ha segnato la sua vita e dal quale cerca riscatto attraverso suo figlio Tommaso, anch’egli ottimo velocista.

To dwell only on the goodness, love and mercy of God presents an awfully skewed view of God. I am committed to belief in the goodness, love and mercy of God. But the Lord God Almighty has many mental and moral attributes that are omitted by those who dwell on the goodness and mercy of God.