And it is precisely this passion for artistic expression in its every form that has led him, for example, to choose to become, some seasons ago, the face of the Prada Uomo line (A/I 2011/12). “Why Prada? Because I don’t just consider myself an actor, but rather an expert in the art of acting who has a passion for telling certain stories. Prada precisely encapsulates this multi faceted spirit.

E a Cernobbio dove a Villa Erba è stata montata una “fiera campionaria” aziendale per presentare le nuove collezioni sono attesi in visita oltre 400 clienti di tutto il mondo. Ma c’è una grande differenza rispetto alla situazione pre crisi ammette l’amministratore delegato di Luxottica Nel 2007 la vita era più semplice: qualsiasi cosa si facesse andava bene comunque. Adesso, è vero che abbiamo aumentato del 10% il nostro portafoglio premium e lusso, ma è un risultato che abbiamo ottenuto tramite la ricerca, l’utilizzo di materiali diversi, attraverso una combinazione di industria e artigianato che dimostra che è ancora possibile ampliare le vendite se c’è valore nel prezzo.

Haynes, e da una casalinga che, prima di sposarsi, aveva studiato recitazione, Sherry Lynne Semler (che ha fatto una brevissima apparizione in Io non sono qui). Cresciuto assieme ai fratelli Gwynneth (che entrerà poi a far parte della band Sophe Lux), Shawn e Wendy, sviluppa fin dall’adolescenza una passione immensa per il cinema.Studi e lo scandalo di Superstar The Karen Carpenter StoryNel 1978, ha già diretto un cortometraggio The Suicide. Iscrittosi al corso di semiotica della Brown University, dirige un nuovo cortometraggio Assassins A film Concerning Rimbaud (1985), ispirato al suo poeta francese preferito Arthur Rimbaud (un autore che Haynes riproporrà spesso, soprattutto in Io non sono qui).

Segue Shop Club (2002) e il film tv Murder in Greenwich (2002) dove interpreta una giovane ragazza uccisa durante la notte di Halloween, il cui assassino rimane in libertà ma uno scrittore tornerà sul caso qualche anno più tardi e i misteri non mancheranno. Il suo volto non passa inosservato e comincia ad accumulare diverse apparizioni televisive: nel 2003 la vediamo in un episodio di CSI: Miami, The Lyon’s Den, Cold Case e Miracles. Partecipa anche a film commerciali di poca qualità (il più conosciuto è lo sci fi Creature Unkown di Michael Burnett) ma che la aiutano a farsi conoscere dal grande pubblico.La fama grazie alla serie tv LostNel 2004 prende parte come guest star alla serie tv Law Order, ma è con il ruolo di Elke nella sit com americana Oliver Beene che rivela il suo lato comico agli spettatori: nel telefilm è una svampita biondina tutto pepe, dall’accento orribile, che fa amicizia con il protagonista undicenne Grant Rosenmeyer.