The novel also shaped some Hunkui. Brutal. Dissolute and shameless emperors. Con noi Carolina Crescentini, Rolando Ravello, Euridice Axen, Eva Grimaldi, Pino Calabrese e Caterina Shulha. Il mondo scopre Rolando Ravello come attore al fianco di Alberto Sordi in Romanzo di un giovane poverodi Ettore Scola. Un’interpretazione memorabile che gli era valsa, teoricamente, la Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia, ma non tutto andò come doveva: “passai la notte con gli amici a festeggiare.

Scott, dalla quale ha avuto i due gemelli Frank e Max, zio dei registi di videoclip Jake e Luke Scott e dell’attrice Jordan Scott, Tony Scott ha una cerchia di attori che fanno parte della sua “corte da oltre ventanni”: si va da Tom Cruise a Val Kilmer, dall’istrionico Christopher Walken all’attore di colore Denzel Washington (uno dei suoi migliori amici), fino ad arrivare a sua moglie, che è inserita in piccoli ruoli in alcune pellicole. Disgraziatamente però, la sua carriera è costellata anche di flop incredibili come Una vita al massimo (1993), tratto da un’idea di Quentin Tarantino, ma anche di grandi rifiuti come Beautiful Girls (1996) che invece venne diretto da Ted Demme.Produttore esecutivo della CBS, nonché della casa di produzione fondata con il fratello, la Scott Free Productions, i due avevano intenzione, dopo aver investito nella serie di successo “Numb3rs” di portare sugli schermi due progetti: un remake di Quarto potere di Orson Welles e due film sulla biografia dell’eroe messicano Pancho Villa, ma non hanno trovato i finanziamenti necessari per nessuno dei due.Una carriera d’azioneTorna, quasi sessantenne, con un film fresco e giovanile come Domino (2006), biografia di una delle sue migliori amiche, la cacciatrice di taglie Domino Harvey, che sottolinea ancora la sua grandezza e la potente maestria nel saper descrivere le profonde mutazioni psicologiche, estetiche e generazionali dei suoi personaggi. Firma poi Déja vu Corsa contro il tempo (2006), Pelham 1 2 3: ostaggi in metropolitana (2009) e Unstoppable Fuori Controllo (2010).Gli ultimi progetti e il suicidioIl 19 agosto 2012 decide di buttarsi dal ponte Vincent Thomas di Los Angeles, di fronte a svariati testimoni.

Studi e debuttoCarlo Carlei nasce a Nicastro il 16 aprile 1960, appassionandosi fin da bambino al cinema, ai fumetti e alla letteratura americana di genere fantascientifico. Negli Anni Ottanta, si iscrive alla scuola di cinema Gaumont di Roma, fondata da Renzo Rossellini, all’interno della quale firma un episodio di quello che sarà non solo il saggio finale della sua carriera scolastica ma, anche il suo primo film collettivo e il suo debutto cinematografico (gli altri registi erano Daniele Luchetti, Antonello Grimaldi e Valerio Jalongo) Juke Box (1985).La corsa dell’innocenteAll’inizio degli anni Novanta, firma il mediometraggio di fantascienza Capitan Cosmo, offrendo al pubblico quella che sarà l’ultima apparizione di Walter Chiari. Ma è con La corsa dell’innocente (1993) che ottiene un discreto successo, arrivando a essere candidato al David di Donatello e al Nastro d’Argento nella categoria miglior regista esordiente, malgrado, secondo gran parte della critica italiana, il film sia estremamente prolisso e demagogico nell’affrontare tematiche come quelle legate all’ndrangheta.Il flop FlukeNon avrà lo stesso successo la trasposizione omonima del romanzo “Fluke” di James Herbert, suo primo film prodotto dal colosso MGM, interpretato da Matthew Modine, che si rivelerà essere un flop.