Video L’hanno intitolato “Il meglio della vigilia di Natale 2017”. Con questo video, ripreso a tratti anche da un drone, i residenti del “Quadrilatero dei baretti di Chiaia”, riuniti nel comitato “Chiaia viva e vivibile” presieduto da Caterina Rodinò, chiudono un anno di notti insonni dovute ai quasi 70 locali frequentati da migliaia di persone ormai quasi tutti i giorni della settimana, nelle stradine tra piazza dei Martiri e piazza San Pasquale. Il video è un montaggio di tutti quelli girati da diverse angolazioni tra via Bisignano e dintorni, e riprende i momenti clou del 24 dicembre scorso, quando a migliaia gli avventori si sono riversati nelle strette stradine brindando sonoramente al Natale, mentre la musica a tutto volume invadeva i palazzi e le strade circostanti.

Cameron Michelle Diaz è nata a San Diego, in California il 30 agosto del 1972. Il padre, Emilio Diaz, d’origine cubana, lavorava come sovrintendente per una compagnia petrolifera. La madre, Billie Early, di origini tedesche, era agente in una compagnia di esportazioni.

Caduto in mare al largo di Cape Cod, Allen Bauer (Hanks) riprende i sensi sulla spiaggia, accanto ad una bellissima fanciulla (Hannah). Ha già rischiato di affogare in quelle acque da bambino, quando saltò da un traghetto inseguendo una vaga figura femminile che gli sorrideva tra le onde. E tanto allora come adesso, è proprio lei che lo ha salvato: è una sirena e non parla la sua lingua, ma è innamorata persa e dispone di 7 giorni che vuole trascorrere con lui sulla terraferma.

Il Memoriale sembra risolvere il quesito principe, quello della prigione di Moro: in realtà, il brigatista ammette di essere all’oscuro della questione perché non ha mai saputo nulla in modo diretto, per via della rigida compartimentazione, anche se impone la cancellazione di alternative: in modo assoluto che Moro sia stato tenuto prigioniero in via Gradoli o nella base di Velletri o fosse stato portato in luogo coperto da immunità diplomatica o in qualche sede di partito o in qualsiasi altro luogo che fosse estraneo all’organizzazione O sa o non sa, in ogni caso la sua versione sulla prigione di via Montalcini diventa verità processuale e poi, diremmo, luogo comune. Sul numero dei partecipanti alla strage di via Fani Morucci nel 1984, data d’inizio della lunga stesura del testo, sostiene che il commando era composto da nove persone, ma nel 1997 ne aggiungerà una decima, Rita Algranati, che prima aveva dimenticato. Sostiene poi che il commando sparò solo da sinistra, mentre sappiamo, perché ce lo conferma la perizia richiesta dal presidente del processo Moro quater, che diversi colpi partirono anche dal lato destro della strada.