Il look sembra semplice, ma è calibrato al millimetro per non rischiare di essere scomodi, ingombranti o di soffrire per il troppo caldo. I jeans sono un elemento basic. Sono shorts, ovviamente, come quelli di Levi’s che per il Coachella suggerisce di scegliere tra i 501 CT con gamba leggermente affusolata, vita basic e chiusura bottoni con ricamo tattoo e lo stesso modello ma con strappi e tagli sapientemente studiati..

Scena del crimine (2001), Dr. Squadra speciale anticrimine (2003) con Samuel L. Jackson.I film per il grande schermoDopo il ruolo di Emerson nel film Ingannevole è il cuore più di ogni cosa (2004) e quello di Wood Hite ne L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford (2007) accanto a Brad Pitt, è uno degli attori protagonisti dell’horror di Juan Carlos Fresnadillo 28 settimane dopo (2007), sequel del film di Danny Boyle 28 giorni dopo, accanto a Robert Carlyle e Rose Byrne, dove interpreta il soldato Doyle alle prese con un’invasione di zombies.La svolta nella carrieraNel 2008 interpreta il ruolo da protagonista nel film di Kathryn Bigelow The Hurt Locker con il quale si aggiudicherà la nomination agli Oscar 2010 come miglior attore protagonista.

Ha preso le persone più semplici e ha dato loro profondità e cuore. Così uno sceneggiatore salva un’attrice da un gorilla gigantesco, un ragazzo sopraffatto da una madre fisicamente e psicologicamente mostruosa protegge il grande amore della sua vita e un piccolo hobbitt è in grado di salvare un intero mondo dall’incarnazione del Male. Amarissimo e disilluso, continua a sperare e a dirci che è nel cuore dei più umili che si nasconde la S di Superman.2.

Il Bang Bang Club era il nome dato a quattro giovani fotografi, Greg Marinovich (Ryan Phillippe), Kevin Carter (Taylor Kitsch), Ken Oosterbroek (Frank Rautenbach) e Joao Silva (Neels Van Jaarsveld), perché si trovavano sempre in mezzo alle sparatorie, o al “bang bang”, come le chiamano la gente del posto ha detto. De Klerk, questi giovani uomini sapeva che la verità doveva venire fuori. Alimentati dall’adrenalina e dallo sdegno morale, hanno rischiato la loro vita per documentare gli orrori della guerra civile che hanno straziato la nazione.

During this period, no new music was supposed to be recorded by AFM members. Of course, the record companies, knowing that the strike would probably happen, had already stockpiled new recordings in the months before the ban. There were also some clandestine sessions designed to bolster the output of some of the label’s bigger selling stars.