saturo di una certa grammatica tipica dell’action movie e, per quanto la pellicola abbia un budget invidiabile, non arriva dove dovrebbe arrivare. Per di più, i film di Spottiswoode sono fortemente commerciali e questo lo mette in cattiva luce verso una nuova critica cinematografica che predilige i film più impegnati e intellettuali e verso un risveglio del gusto estetico dello spettatore.Altri filmSpottiswoode, a questo punto, fa marcia indietro. Non smette di fare il regista, ma dopo tre anni di lontananza dal set decide di lavorare solo e unicamente su progetti a budget medio, staccandosi completamente dall’industria hollywoodiana.

About this Item: Condition: Good. Arcole Paris, Sale title Tableaux Modernes Sculptures, Sale date 19th November 1990, No. Of lots 100, No. Rimane lo splendido serio volto di una piccola star di Hollywood, tra mondanità, glamour, vita privata e film. Una strenna di pochi bagliori che la vede coi capelli biondi agitati dal vento, mentre risuona “Take My Breath Away” dei Berlin. Cresciuta a Los Angeles, dopo aver frequentato il Pacific Conservatory of the Performing Arts di Santa Monica, si diploma nel 1975 e viene immediatamente accettata alla Juilliard School, dove si laurea nel 1983.Il successo negli Anni OttantaLa sua straordinaria bellezza e l’intensità della sua recitazione le consente fin da subito di poter lavorare al cinema, anche se nel 1984 viene licenziata dal set di Bachelor Party (Addio al celibato) perché i produttori non vedevano in lei tutto quel sex appeal che cercavano per il ruolo.

Dopo qualche episodio della soap opera italiana Un posto al sole, entra fra gli attori prediletti di Vincenzo Salemme che lo dirigerà in parte dei suoi film con Maurizio Casagrande, Carlo Buccirosso, Nando Paone e Tosca D’Aquino.Cinepanettoni e tvMaschera dei cinepanettoni lavora per Carlo Vanzina e Neri Parenti che lo metteranno, di film in film, affianco a Christian De Sica, Massimo Boldi, Enzo Salvi, Bruno Arena e Max Cavallari, anche se forse il ruolo meglio recitato fino a ora è stato quello di Scellone in Blek Giek (2001) di Enrico Caria.Passato sotto le fauci di Pier Francesco Pingitore, recita con Leo Gullotta in pessimi film tv come Domani è un’altra truffa (2006) e Di che peccato sei? (2007). Discreto il suo successo come presentatore televisivo assieme a Caterina Balivo in “Stasera mi butto” e “Miss Italia nel Mondo 2008”.Fra Pino e Claudio InsegnoNon abbandona il teatro di certo e si mette sotto le mani di Claudio e Pino Insegno in spettacoli come “Tutto per Eva, solo per Eva”, “C’è un uomo nudo in casa”, “Due comici in Paradiso” e “Il re di New York” con Antonella Elia. Tra il 2008 e il 2010 torna sul grande schermo, partecipando a commedie di successo con i registi Oldoini, Vanzina, Pieraccioni e Tartaglia.