La popolarità non lo abbandona ma gli ingaggi non mettono in luce le sue qualità interpretative, relegandolo a ruoli di poco spessore psicologico. Così accade in Singles L’amore è un gioco (1992), nel poliziesco Golden Gate (1993) e in Frankie delle stelle (1995). Ci sono ovviamente delle eccezioni: il drammatico Fort Washington Vita da cani (1993), dov’è un giovane costretto a vivere con i barboni, Da morire (1995) di Gus Van Sant con Nicole Kidman, e Grace of My Heart La grazia del mio cuore (1996).

Quali danni? I mancati guadagni causati dal fatto che la bonifica dello specchio di mare destinato agli yacht non è mai stata completata. Niente bonifica, niente barche. Niente barche, niente clienti. Una donna il cui fascino magnetico non ha eguali; una star che, grazie al maniacale perfezionismo e manierismo, ha saputo ritrarre con mano sicura una sfaccettata galleria di volti femminili, spaziando dal melodramma alla commedia, della quale è la regina incontrastata.Mary Louise vede la luce nel tiepido mattino del 22 giugno 1949; la mamma che tanto ama chiamarla Meryl porta il medesimo nome della figlia. Casalinga con la passione per la pittura, la madre possiede radici anglo svizzere e irlandesi. Il padre, invece, annovera origini olandesi nonché ebreo ispaniche.

Vice President Dou Guimei real educational narrative research. A real teacher development files. National the famous grade teacher. Si consola (per modo di dire) in Saturn 3 (1980) con Kirk Douglas e Il lenzuolo viola (1980); poi il regista francese Bernard Tavernier lo impone nel cast de La morte in diretta (1980) con Max von Sydow. C’è da dire che l’Europa subirà fortemente il fascino di questo attore, amandolo molto più di quanto non sia amato nella sua patria. Arriva il tempo anche del matrimonio, quello con l’attrice Lorraine Bracco, nel 1982, felicemente allietato dalla nascita della sua prima figlia: Stella Keitel.

Non parliamo poi dell’esperienza del bungee jumping che è stata una mia idea, a volte riesco ad essere il peggior nemico di me stesso. In piedi sul ponte pensavo a cosa avrei detto a Gesù. Questi i numerosi sì del set, nella vita credo di essermi maggiormente sbilanciato, ho detto 750.000 sì e credo soltanto cinque no.

Un regista di cultoNasce il cult. La storia è molto semplice: un gruppo di ragazzi, che si rifugiano in un cottage disabitato in mezzo ai boschi, per errore evocano una moltitudine di demoni. Gore sanguinolento, effetti ingegnosamente grotteschi e soluzioni visive spettacolari fecero di Raimi un caso mondiale.